27 July 2017
    foto_copertina_orizz

    Il nostro primo ebook

    Il nostro primo ebook è stato modificato: 2015-02-09 di Paolo Morelli

    Pubblicato “La Shoah dopo la Shoah”, ebook che raccoglie pezzi rieditati e pezzi inediti che raccontano la letteratura e il cinema della Shoah.

    A distanza di 70 anni dalla Seconda guerra mondiale, e dopo aver chiuso il “gennaio della memoria” con ricordi, interviste e recensioni di opere che raccontano la Shoah, abbiamo deciso di raccogliere tutto il nostro lavoro in un ebook. Lo abbiamo chiamato La Shoah dopo la Shoah, perché rappresenta quello che ci è rimasto e dal quale possiamo attingere per costruire (o ricostruire) la nostra memoria. L’Olocausto è il punto più basso della Storia umana (o uno dei punti più bassi) e non va dimenticato per evitare che si ripeta. Eppure, notiamo che oggi, forse, la Seconda guerra mondiale inizia a essere piuttosto distante, nel tempo, da noi. La memoria inizia lentamente a sgretolarsi, i protagonisti di quell’epoca non sono più tra noi (uno degli ultimi era Massimo Rendina, ex partigiano, scomparso ieri). Chi puà rinfrescarci la memoria se non le testimonianze che sopravvivono ai rispettivi testimoni?

    Ci siamo concentrati su libri e film e abbiamo preso appunti, La Shoah dopo la Shoah è un taccuino elettronico che contiene suggerimenti di lettura e di visione. Per combattere il deterioramento della memoria dobbiamo leggere, assorbire contenuti, e dobbiamo farlo ciclicamente, senza attendere il Giorno della Memoria, ogni 27 gennaio. Non siamo i primi a compiere un’operazione del genere e speriamo davvero di non essere gli ultimi. Abbiamo lavorato molto per proporre un prodotto di qualità ai nostri lettori, con una grafica accattivamente e rispettando il mezzo elettronico, sul quale ci muoviamo, producendo un ebook. È concepito per essere letto lentamente, a differenza degli articoli che trovate su questo sito, perché ha finalità completamente diverse. Oltre a informare, vuole essere lì, pronto ad essere consultato nel momento in cui non ci si ricorda di una certa opera, o si è in dubbio su quale film è consigliabile guardare «per cominciare».

    The Last Reporter Books è la definizione che raccoglie i nostri ebook. Usiamo il plurale perché l’intenzione è quella di continuare a sfornare prodotti di questo genere, oltre al sito web che già potete consultare ogni giorno, perché la tendenza dell’editoria è – giustamente – quella di dare servizi in più, prodotti in più, approfondimenti in più. È faticoso, ma davvero emozionante. Mentre pubblichiamo queste righe, e mentre pubblichiamo La Shoah dopo la Shoah, il pensiero corre già al prossimo ebook, ma per adesso è meglio tirare un attimo il fiato e aspettare – non senza ansia – il giudizio dei lettori.

    Lo trovate qui, buona lettura.

    Print Friendly

    Giornalista, collabora da diversi anni con testate online e cartacee. Si è occupato, in passato, di televisione e radio. Segue l'evoluzione del giornalismo, soprattutto attraverso gli strumenti dati dal web. Lavora come addetto stampa per enti culturali.

    Seguici su Facebook

    Resta aggiornato su Twitter