26 March 2017
    Wild

    Si chiude un TFF di arte cinematografica

    Si chiude un TFF di arte cinematografica è stato modificato: 2014-12-02 di Cecilia Russo

    Wild

    Sabato 29 novembre si è chiuso il 32° Torino Film Festival: gli unici protagonisi indiscussi sono stati i film. Un TFF d’arte.

    Alla chiusura del 32° Torino Film Festival, diretto da Emanuela Martini, il bilancio non può che essere positivo e, a sottolineare il grande successo di spettatori nonostante le due sale in meno rispetto alla precedente edizione, sono stati anche gli incassi. Fino a venerdì 28 novembre, i dati rilevati hanno rilevato un trend positivo, con un aumento della percentuale di affluenza nelle singole sale e un conseguente aumento della vendita di biglietti singoli per proiezione.

    I premi.
    La Giuria del Concorso Internazionale Lungometraggi, composta da Ferzan Ozpetek, Geoff Andrew, Carolina Crescentini, Debra Granik e György Pálfi ha premiato Mange tes morts di Jean-Charles Hue (Francia, 2014) come miglior film. La pellicola racconta del diciottenne Jason Dorkel, il quale appartiene a una comunità nomade, che si sta preparando per ricevere il battesimo quando Fred, il suo fratellastro, torna a casa dopo parecchi anni passati in prigione. Insieme al loro terzo fratello Mikael, impulsivo e violento, i tre Dorkel fanno un viaggio tra i “gadjo”, i non gitani, alla ricerca di rame.

    La motivazione per il miglior film, per scelta della Giuria, non c’è, in compenso è stato assegnato un premio speciale, in collaborazione con Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, a For Some Inexplicable Reason di Gábor Reisz (Ungheria, 2014), che ha ottenuto anche altri riconoscimenti come il premio del pubblico.

    Leggi l’elenco completo dei premi »

    La Menzione speciale della giuria è andata a N-Capace di Eleonora Danco (Italia, 2014) con la seguente motivazione: «abbiamo attribuito una menzione speciale a quest’opera prima perché dimostra di essere una grande promessa per il futuro e perché ci ha colpito emotivamente e intellettualmente con un ritratto, così lirico e penetrante, dell’Italia di oggi».

    Tra gli altri film premiati, tra premi ufficiali e premi collaterali, Qui di Daniele Gaglianone, che ha ricevuto il Premio Occhiali di Gandhi, dedicato alle pellicole che incarnano gli ideali della non violenza; Triangle di Costanza Quatriglio (Italia, 2014), Premio Cipputi, per i film che meglio raccontato il mondo del lavoro; e In viaggio verso Auschwitz di Danilo Monte (Italia, 2014), insignito del Premio AVANTI! che seleziona un’opera da inserire nel circuito culturale di distribuzione curato da Lab 80.

    Il film di chiusura.
    Dopo la cerimonia di premiazione è stato proiettato Wild di Jean-Marc Vallée (USA, 2014). La sala stracolma di spettatori ha assistito con il fiato sospeso alla grandissima interpretazione di Reese Witherspoon, Premio Oscar con Quando l’amore brucia l’anima. Il film porta sul grande schermo la straordinaria e intensa avventura di Cheryl Strayed, una giovane donna che ha percorso oltre mille miglia lungo la pista di trekking della Pacific Crest per elaborare un grave lutto familiare e il naufragio del proprio matrimonio, affrontando e sconfiggendo, in un viaggio pericoloso e solitario, i suoi demoni e le sue paure.

    Reese Witherspoon è anche produttrice, con due sceneggiatori d’eccezione: la stessa Cheryl Strayed, protagonista della vera storia e autrice dell’omonimo best seller autobiografico, e il famosissimo scrittore Nick Hornby. Il film uscirà nelle sale a marzo, un’utile occasione per scoprire come l’essere umano possa ritrovare se stesso essendo in contatto con la natura. L’appuntamento è rimandato al 33° Torino Film Festival, che si svolgerà dal 20 al 28 novembre 2015.

    Print Friendly
    Cecilia Russo

    PhD Student presso l'Università degli Studi di Torino, ha insegnato per alcuni anni francese e materie in lingua francese presso alcuni istituti di istruzione secondaria. Francesista, è appassionata di letteratura e di viaggi.

    Seguici su Facebook

    Resta aggiornato su Twitter