30 May 2017
    Incontri_CarlsonYerbabuena

    Torinodanza va in Francia

    Torinodanza va in Francia è stato modificato: 2014-10-29 di Giovanna Gennatiempo

    Incontri_CarlsonYerbabuena

    Sta per concludersi la prima parte di Torinodanza Festival 2014, da lunedì 13 si sposterà a Lione per tornare a Torino a novembre. La commistione tra stili diversi riserva un omaggio alla Francia.

    Domani si conclude Torinodanza Festival, uno degli appuntamenti più importanti della scena piemontese per quanto riguarda la danza contemporanea. Torinodanza è una rassegna realizzata dalla Fondazione del Teatro Stabile di Torino e diretta da Gigi Cristoforetti. Quest’anno il progetto ha presentato due novità: la collaborazione con la 16a Biennale de la Danse de Lyon e l’organizzazione di una sezione dedicata alla danza locale.

    Il programma.
    Il festival avrà una durata prolungata rispetto agli altri anni e sarà interrotta da una pausa nella quale la programmazione sarà simbolicamente trasferita a Lione. Le due sezioni sono distinte anche nei contenuti: dal 9 settembre al 12 ottobre il festival ha ospitato i maestri della scena contemporanea internazionale, mentre dal 20 novembre al 22 gennaio 2015 darà spazio ad alcuni tra i più significativi interpreti italiani.

    Circa

    Circa

    Insieme a spettacoli in cui il movimento coreografato è strettamente inteso, sulla scena si sono alternati anche gruppi circensi e acrobatici; questa scelta, marca stilistica di Torinodanza sin dalle origini, punta a sottolineare l’eterogeneità di una danza che si apre a nuove possibilità espressive. Emblema di questa commistione di stili sono stati Golgota, spettacolo di danza equestre del coreografo francese Bartabas (già ospite del festival nel 2011 con Le centaure et l’animal), e CIRCA dell’omonimo gruppo acrobatico australiano.

    Dopo la pausa lionese riprenderà la seconda sezione della rassegna, dedicata agli interpreti italiani: Made.IT, che si svolgerà dal 20 novembre al 22 gennaio 2015. Il progetto, in collaborazione con NID – New Italian Dance Platform e Interplay/14, coinvolgerà tre coreografi nazionali (Enzo Cosimi, Andrea Gallo Rosso e Alessandro Sciarroni) e tre attivi sul territorio piemontese (Ambra Senatore, Riccardo Buscarini e Daniele Ninarello) che si alterneranno sul palco delle Fonderie Limone di Moncalieri. Made.IT sarà una vetrina per i giovani emergenti e un mezzo per dare risonanza internazionale ad alcuni tra i migliori coreografi italiani.

    Gli obiettivi di Torinodanza.
    Il profilo che distingue il teatrodanza, genere coreografico al centro di Torinodanza Festival, è l’attenzione alla danza declinata nelle sue innumerevoli sfaccettature stilistiche. Fil rouge delle varie edizioni è la ricerca di forme coreografiche provenienti dalla scena europea e internazionale. Lo scopo è ampliare la percezione che, per secoli, si è avuta della danza: uno spettacolo d’evasione e di nicchia. L’impegno di Torinodanza è proprio quello di intessere il festival fra le trame del tessuto sociale torinese e non soltanto culturale in senso stretto. Torinodanza è l’apertura a stili di danza lontani dall’ordinario, la scelta di luoghi non convenzionali per le rappresentazioni, la creazione di workshop e l’organizzazione di incontri con i coreografi, con l’allestimento del Défilé tra le vie cittadine e la collaborazione con associazioni attive nel sociale, insieme a uno spazio per i giovani emergenti. Tutto questo ha fatto sì che il cartellone non fosse un mero contenitore generico ma un organismo vivo e coinvolgente.

    La collaborazione con la Biennale de la Danse, inoltre, costituisce un ponte tra le due realtà coreografiche e consente, così, uno scambio di esperienze, tecniche e stili sempre nuovi. Tale sodalizio si inscrive all’interno di un importante programma europeo, lo European Video Dance Heritage Project. Il progetto consiste in un sito web strutturato in maniera da fornire ai visitatori un’adeguata videoteca on-line di danza contemporanea, il cui obiettivo è quello di preservare la memoria artistica di un patrimonio coreografico massiccio e diversificato di cui Torinodanza è da oltre dieci anni una vetrina d’eccellenza.

    Défilé

    Il Défilé di Torinodanza – Torino, 6 luglio 2014

    La prima parte del Festival.
    Il 6 luglio, per promuovere il festival e la collaborazione italo-francese, è stata organizzata, per la prima volta in Italia, l’anteprima del Défilé: una grande parata danzata che inaugura, ogni due anni, la Biennale. La città di Torino ha assistito al corteo che ha coinvolto più di mille danzatori italiani e francesi affiancati da ventuno associazioni, impegnate nello sviluppo culturale e sociale del territorio piemontese. La sfilata aveva come titolo “Le onorevoli delegazioni” (“Les Honorables délégations”) e alludeva alla partecipazione di gruppi differenti, riuniti a festeggiare questa edizione della manifestazione. La coreografia della sfilata è nata dall’integrazione di diversi stili di danza servendosi dell’uso di oltre 300 marionette e burattini, creati per l’occasione e manipolati dai danzatori stessi, la realizzazione è avvenuta grazie al lavoro dell’Accademia Albertina delle Belle Arti e del MAAF – MarionettArt Accademia della Figura di Pinerolo.

    La prima sezione del festival contava 17 spettacoli, 25 rappresentazioni, 8 prime nazionali, 15 compagnie ospitate provenienti da 7 paesi diversi. L’inaugurazione di questa edizione è stata affidata a Les Ballets C de la B, diretta da Alain Platel, uno dei maestri più celebri del panorama contemporaneo e partner del festival dal 2005, con l’anteprima nazionale di Tauberbach. All’interno del cartellone, degna di nota è stata la prima italiana di Incontri, spettacolo che ha riunito sul palco due grandissime danzatrici dall’imprinting artistico distante ma accomunate da un carisma unico: Carolyn Carlson e Eva Yerbabuena (nella foto di copertina).

    Print Friendly
    Giovanna Gennatiempo

    Torinese d'adozione, è laureata in D.A.M.S. e Comunicazione e Culture dei Media. Ha curato la comunicazione di diverse associazioni culturali del territorio piemontese. Appassionata di danza, fotografia, animali, viaggi e cucina, è sempre alla ricerca di nuove esperienze da aggiungere alla “to do list”.

    Seguici su Facebook

    Resta aggiornato su Twitter